Foto: Rijeka 2020

RIJEKA – EPK 2020

Nel 2020, la Città di Fiume/ Rijeka diventa il centro della cultura europea

A causa della pandemia globale del COVID-19 e delle misure epidemiologiche prescritte per la prevenzione del contagio, i programmi della Capitale europea della cultura vengono adattati alla nuova situazione. I numerosi programmi culturali e artistici della Capitale europea della cultura si terranno durante l’intero 2020 nei periodi nuovamente stabiliti e in conformità alle raccomandazioni delle autorità competenti. Le ultime notizie sui programmi e le nuove date sono disponibili sui siti web www.rijeka2020.eu www.visitrijeka.eu.

Nel 2020, anno in cui la Croazia presiede il Consiglio dell’Unione europea, la Città di Fiume/Rijeka, quale il porto più grande croato, diventa la sede del programma artistico e culturale, la città – l’oste ai migliori e ai più divertenti artisti presenti nella scena culturale mondiale, europea e quella croata. Infatti, proprio quest’anno la città di Rijeka/Fiume è la Capitale europea della cultura. Situata nell’area influenzata da tre correnti storico-culturali diverse, quella del Mediterraneo, dell’Europa centrale e dell’Europa orientale, negli ultimi cento anni la Città di Fiume/Rijeka si è sviluppata all’interno di ben sette stati diversi. In questo assomiglia all’Europa, nella sua forma più piccola, e come tale è diventata un luogo di vita dinamica e movimentata, il simbolo dello spirito libero e delle idee progressive, la città che da sempre ha dato il benvenuto a tutti. Nel 2020, all’interno del progetto la Capitale europea della cultura, nella Città di Fiume/Rijeka vengono costruiti ed aperti nuovi edifici e strutture dedicate alla cultura, cofinanziati dai fondi europei per mettere in scena più di 600 eventi artistici, culturali ed altri, creati in collaborazione con oltre a 250 istituzioni e organizzazioni culturali dalla Croazia e da altri 40 paesi europei e del mondo.

Il cantiere più acculturato della Croazia

Diventata la Capitale europea della cultura, Fiume è stata inclusa nell’elenco di una sessantina di città europee che finora portavano questo titolo, come Marsiglia, Linz, Essen, Graz, Dublino, Liverpool, Atene, Rotterdam, Genova e molte altre. E intanto bisogna dire che Fiume/Rijeka è la prima città croata a portare questo titolo. Questo grande progetto culturale europeo garantisce a livello europeo e quello mondiale il riconoscimento del paese e della città che porta il titolo, e allo stesso tempo unisce la convinzione e la comprensibilità del fatto che i paesi europei fanno tutti parte della diversità culturale europea. Il progetto della Capitale europea della cultura vede le sue peculiarità a Fiume/Rijeka, in quanto la città di Fiume/Rijeka si è avvicinata al progetto pensando, sin dalla sua candidatura, alla propria trasformazione fisica, nonché al contesto della futura offerta culturale della città.

Infatti, nell’area dell’ex fabbrica Rikard Benčić, in via Krešimir a Fiume, sono stati ristrutturati quattro edifici facenti parte del nostro patrimonio industriale che sono stati adibiti a scopi culturali e all’interno dei quali hanno trovato il loro nuovo domicilio: Il Museo civico di Fiume, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, la Biblioteca Civica di Fiume e la Casa dell’infanzia, destinata allo sviluppo della creatività infantile, la prima di questo tipo in Croazia. Inoltre, anche la nave Galeb è in fase di ristrutturazione e sistemazione, che sta diventando un museo-galleggiante e un’attrazione turistico-culturale della Città di Fiume/Rijeka. Per questi interventi di rinnovo la Città di Fiume/Rijeka ha ottenuto i finanziamenti europei a fondo perduto nell’importo di quasi 140 milioni di kune, grazie ai quali i rispettivi edifici e strutture saranno pronti per l’apertura nel corso dell’anno 2020 e in parte del 2021.

Scaricate ACI N° 1

All’interno dell’edizione completamente gratuita e in formato digitale potrete trovare il resto degli articoli insieme a tanti altri intereressantissimi contenuti.

SCARICARE PDF